Tabellino della partita

28/09/1975 - Lecce, stadio Via del Mare
3° giornata del Campionato di Serie C 1975/1976
Lecce 2Pro Vasto 1
Jacoboni
Lorusso
Bertuolo
Fatta
Loprieno
Mayer
Beccati
Fava
Picat Re
Mambrin
Nastasio
Masoni
Codraro
Raimondi
Mazzetti
De Filippis
Taverna
Castorina
Rossi Renzo
Perricone
Natalini
Quaresima
Allenatore:
Chiricallo
Allenatore:
Uzzecchini
Sostituzioni:
Loseto per Loprieno (65')
Sostituzioni:
Di Bartolomeo per Castorina (75')
Reti:
Nastasio (21')

Beccati [rig.] (90')
Reti:

Quaresima (55')

Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Mambrin
ammonizione Loprieno
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Perricone
Arbitro: Migliore di Salerno
Note:
Pomeriggio di sole con leggero vento di tramontana che nel primo tempo ha favorito il Lecce. Terreno erboso in ottime condizioni. Ammoniti Mambrin e Loprieno (LE) per proteste e Perricone (PV) per scorrettezze. Spettatori circa 9.000 per un incasso di poco superiore ai 10 milioni. Angoli 7 a 4 (p.t. 5 a 4) per il Lecce.
Cronaca:
I due punti sono andati al Lecce ed il dramma che stava per scoppiare in casa salentina ha lasciato il posto a tenue speranza di pronto riscatto. Il Lecce ha potuto brindare al primo brindisi della stagione ma mai un brindisi è stato così sofferto, diremmo quasi scioccante. E' andata così, mancava poco meno di un minuto alla fine della gara con il Lecce disperatamente proteso all'attacco[....] Un arrembaggio più che un assalto ordinato. Un tiro di Mambrin s'era perduto sul fondo, e Masoni, raccolto il pallone da dietro la porta si stava trastullando per far trascorrere l'ultimo giro delle lancette. Una melina d'obbligo, diremmo; aveva chiamato per dargli una mano il libero Taverna e con lui, al limite dell'area, stava cercando lo scambio prima di tirare. Taverna, purtroppo per la Pro Vasto, ha ritardato un pò nel ritornare il pallone al portiere, permettendo così a Beccati di intrufolarsi in questo strano dialogo e tentare di rubar loro il pallone. Ci stava riuscendo quando Taverna prima e Masoni dopo hanno dovuto ricorrere alle maniere forti atterrando l'attaccante leccese. Rigore. A questo punto la scazzottatura fra Masoni e Taverna, il portiere ha rimproverato il compagno, questi ha risposto con qualche epiteto e i due dalle parole sono passati alle mani. Ha avuto la peggio Taverna che ha ricevuto un uno-due in pieno viso e ha cominciato a perdere sangue vistosamente. I due sono stati poi divisi da alcuni giocatori del Lecce e dall'arbitro. Il rigore è stato poi trasformato da Beccati con un tiro sotto la traversa che è rimbalzato poi di poco dentro la linea bianca facendo sudare freddo i circa 9.000 spettatori.