Tabellino della partita

11/05/2014, ore 16:00 - Lecce, stadio Via del Mare
Campionato di Serie C1 2013/2014 - Quarti di finale
Lecce 0Pontedera 0
8 - 7 dopo calci di rigore
Caglioni
Diniz
Martínez
Abruzzese
López
Salvi
Amodio
Bellazzini
Bogliacino
Doumbia
Zigoni
Ricci
Regoli
Verruschi
Gonnelli
Vettori
Pezzi
Bartolomei
Caponi
Arrighini
Grassi
Di Noia
Allenatore:
Lerda
Allenatore:
Indiani
Sostituzioni:
Beretta per Doumbia (65')
Barraco per Bellazzini (74')
Sales per López (93')
Sostituzioni:
Settembrini per Di Noia (75')
Pastore per Regoli (79')
Pera per Gonnelli (112')
Reti:
Reti:
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione López (8')
ammonizione Diniz (53')
ammonizione Martínez (58')
ammonizione Amodio (84')
ammonizione Zigoni (112')
ammonizione Caglioni (120')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Bartolomei (68')
ammonizione Gonnelli (96')
ammonizione Caponi (119')
Calci di rigore:

Rigore trasformato Bogliacino video
Rigore trasformato Barraco video
Rigore trasformato Zigoni video
Rigore trasformato Beretta video
Rigore trasformato Diniz video
Rigore trasformato Amodio video
Rigore trasformato Martínez video
Rigore trasformato Abruzzese video
Calci di rigore:
Rigore trasformato Grassi video
Rigore trasformato Caponi video
Rigore trasformato Arrighini video
Rigore trasformato Pezzi video
Rigore trasformato Pera video
Rigore trasformato Vettori video
Rigore trasformato Bartolomei video
Rigore fallito Pastore video
Arbitro: Dei Giudici di Latina
Note:
Cronaca:
"[...] l’immagine irrimovibile della sconfitta del Pontedera sta tutta nel tentato “cucchiaio” dell’esterno di Acquaviva delle Fonti. Uno scavetto illustre in stile Pirlo e Totti, che stavolta è finito male. Il penalty decisivo va sopra la traversa e pochi secondi dopo il Lecce certifica la qualificazione alla semifinale dei playoff per la serie B. Un verdetto che grida vendetta per quello che si è visto nei 120’. I tempi regolamentari e i supplementari raccontano di un Pontedera in grande spolvero e vicinissimo a più riprese dall’espugnare il “Via del Mare”. Ma dopo aver sfiorato ripetutamente il gol ed aver messo a segno 7 rigori, l’errore dal dischetto di Pastore chiude il sipario di una stagione comunque storica con una punta di amarezza. I granata d’assalto si vedono subito dopo 50 secondi, quando Caponi prova la soluzione dalla distanza e Caglioni deve togliere la palla da sotto l’incrocio. E’ solo il primo squillo della partenza sprint. Arrighini conclude in contropiede, ma Caglioni intercetta il diagonale. Le palle gol diventano tre in 12’: stavolta è Grassi a impegnare Caglioni su calcio di punizione dal limite. L’unico brivido per il Pontedera arriva da un disimpegno sbagliato di Ricci, che permette a Bellazzini di recuperare e servire Bogliacino, che però calcia di poco sopra la traversa. (21’ tentativo di Pezzi dalla distanza termina a lato). Il Lecce cresce sul piano del possesso palla e per contenere mister Indiani sposta Regoli a sinistra sulla linea dei difensori e allarga Pezzi sulla destra. Una mossa che permette di arginare i salentini sulle corsie esterne con un modulo che diventa 5-3-2. Il Lecce accentua la pressione ma non riesce a rendersi pericoloso. E i granata vengono beffati al 42’, quando Gonnelli appoggia in rete un cross di Grassi e il guardalinee annulla per fuorigioco di Gonnelli. I break del Pontedera sono devastanti anche nella ripresa. A ogni palla persa a centrocampo il Lecce trema, come al 63’, quando Arrighini per poco non arriva sul cross di Di Noia. Col passare dei minuti cresce il Pontedera, Lerda deve cambiare in attacco a causa degli infortuni di Doumbia e Bellazzini per Beretta e Barraco. Ma dai giallorossi arriva solo qualche timido segnale: Nessuno riesce a sbloccare una partita ormai orientata verso i tempi supplementari. Grassi accende un finale appiattito con un sinistro da fuori che finisce alto. Ma la palla che può valere la semifinale ce l’ha Arrighini a 1’ dalla fine, ma calcia alto sulla respinta di Caglioni che smanaccia un siluro di Bartolomei. Nel recupero il portiere giallorosso fa ancora un miracolo su Arrighini e si va così ai supplementari. Qui il Lecce fa vedere qualcosa di più grazie alla punizione di Bogliacino che tocca la parte alta della traversa. Pochi minuti dopo replica Zigoni colpendo il palo, ma l’arbitro aveva già fermato l’azione per fuorigioco. Ormai il finale thriller è servito e si materializzano i rigori. Dal dischetto tutti sono cecchini impeccabili. Per il Pontedera segnano Grassi, Arrighini, Caponi, Pezzi, Vettori, Pera, e Bartolomei. Tutti centrano il bersaglio. Anche i giocatori del Lecce. Si prosegue a oltranza. Ma all’ottavo tentativo Pastore prova una conclusione più avventurosa e la palla finisce sopra la traversa. L’ultimo rigore calciato da Abruzzese spinge il Lecce nella semifinale playoff contro il Benevento." (Lorenzo Lazzerini - Il Tirreno)