Tabellino della partita

02/08/2015, ore 21:00 - Lecce, stadio Via del Mare
Coppa Italia 2015/2016 - Primo turno
Lecce 0Catanzaro 0
3 - 2 dopo calci di rigore
Benassi
Kalombo
Vinetot
Gigli
Morello
Papini
De Feudis
Lepore
Herrera
Doumbia
Moscardelli
Scuffia
D'Orsi
Squillace
Mancuso
Giampà
Orchi
Ricci
Calvarese
Agnello
Razzitti
Ingretolli
Allenatore:
Asta
Allenatore:
D'Urso
Sostituzioni:
Rosafio per Papini (70')
Abruzzese per Gigli (79')
Persano per Morello (104')
Sostituzioni:
Mancuso per Squillace (67')
Maita per Ingretolli (70')
Sirigu per D'Orsi (111')
Reti:
Reti:
Ammonizioni ed espulsioni:
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Foresta (84')
ammonizione Calvarese (91')
Calci di rigore:
Rigore fallito Moscardelli video
Rigore trasformato Rosafio video
Rigore trasformato Lepore video
Rigore trasformato Herrera video
Rigore fallito Abruzzese video
Calci di rigore:

Rigore trasformato Razzitti video
Rigore trasformato Maita video
Rigore fallito Agnello video
Rigore fallito Orchi video
Rigore fallito Mancuso video
Arbitro: Mastrodonato di Molfetta
Note:
Cronaca:
"[...] Al via del Mare, peraltro, scendono in campo due undici con lo stesso virtuale cartello lavori in corso ben esposto. Quello di casa prende il comando delle operazioni sin dall’inizio. Al quarto Lepore pesca Moscardelli a centro area, l’esperto attaccante colpisce di testa ma non abbastanza bene per battere Scuffia. Pochi minuti dopo ci prova De Feudis dalla lunga distanza ma pochi brividi provoca alla difesa delle Aquile che stasera conta su D’Orsi Orchi e Ricci discretamente ispirati e Calvarese e Squillace sugli esterni sulla mediana ma pronti a rispondere presente se la retroguardia chiama. E il canovaccio della prima frazione è grosso modo questo: un Lecce che sembra in procinto di fare male ma dopo la sfuriata iniziale è decisamente meno pericoloso e un Catanzaro pressocchè impeccabile in difesa ma non pervenuto quando deve impostare. Nel finale di frazione ci prova nuovamente Papini ma la sfera finisce a lato senza che Scuffia intervenga. Secondo tempo ancora con una supremazia territoriale del team che con qualche giorno in meno di preparazione rispetto alla compagine di D’Urso inizia ad affievolirsi lentamente. Ne approfitta il Catanzaro che finalmente dà segni di vita in attacco. Anzi, a metà tempo, ha diverse occasioni per portare a casa la partita. In particolare al 27esimo il portiere pugliese Benassi neutralizza un tiro cross di Calvarese, e alla mezzora viene impegnato da Mancuso entrato nella ripresa. Nel finale riemerge il Lecce ma il risultato non cambia. I ventidue, sfiniti, affrontano i supplementari. L’episodio più significativo si registra nei secondi quindici minuti: Lecce in attacco al terzo, conclusione di Vinetot che supera Scuffia, Ricci salva sulla linea di porta o forse oltre come sembrerebbe dalle riprese tv. La terna arbitrale decide diversamente e si resta sullo 0-0. Si arriva in carrozza ai rigori. L’errore di Moscardelli illude il Catanzaro poi condannato però da quelli di Agnello, Orchi e Mancuso [...]" (Roberto Tolomeo - www.catanzaroinforma.it)