Rispondi a questo messaggio:

E' la solita ipocrisia italica: non si ha il coraggio di dire che il divieto di trasferta costituisce una punizione bella e buona e allora si accampano motivazioni risibili per giustificare provvedimenti privi di senso logico. Aggiungo: ma lo sanno lorsignori che ogni volta che partiamo in trasferta passiamo da Dari o da Taranto? Lo sanno che passeremo da Pescara ogni qualvolta dovremo andare in una cittą sita sulla dorsale adriatica o comunque in Lombardia, Emilia, Friuli? e che facciamo? vietiamo le trasferte per i prossimi 10 anni?

leccese fiero®