Rispondi a questo messaggio:

Hai perfettamente ragione!!! Sapessi da quanti anni anch'io penso la stessa cosa e anche di più di quello che hai detto. Come, per esempio, che è molto importante avere degli allenatori delle giovanili molto validi, capaci, cioè, di far crescere e valorizzare i giovani loro affidati. Non solo ma anche l'allenatore della prima squadra dovrebbe compiutamente interessarsi e seguire il lavoro che viene fatto da tutto lo staff delle giovanili. Insomma le giovanili dovrebbero costituire la base, l'ossatura che regge tutto l'apparato societario. Se io fossi un giornalista, di quest'argomento me ne farei una bandiera e, piuttosto che raccontare insulse banalità sullo stato di salute di queso o quell'altro giocatore infortunato o stucchevoli interviste che dimostrano una sconvolgente aridità intellettuale, bombarderei quotidianamente le teste dei dirigenti e dei tifosi sull'importanza direi vitale che ha l'avere tra le proprie giovanili almeno un centinaio di calciatori su cui fare sicuro affidamento nel prossimo immediato. Le società di calcio sono ormai da tanti anni delle vere SpA e quelle più importanti sono addirittura quotate in borsa, perciò ogni azionista dovrebbe curare che la sua società gli desse degli utili e non lo costringesse invece a continue immessioni di liquidità.

Franco 33