Tabellino della partita

20/01/1974 - Lecce, stadio Via del Mare
18° giornata del Campionato di Serie C 1973/1974
Lecce 3Pescara 0
Trevisan
Lorusso
Materazzi
Zoff
Cozzani
Di Somma
Carella
Fortunato
Crispino
Giagnoni
Fiaschi
Cimpiel
De Marchi
Loseto
Pennati
Ciampoli
Rosati
Ciardella
Lopez
Serato
Turrini
Capogna
Allenatore:
Losi
Allenatore:
Rosati Domenico
Sostituzioni:
Sostituzioni:
Prosperi per Capogna (67')
Reti:
Crispino (47')
Fiaschi (65')
Fortunato (87')
Reti:



Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Zoff (78')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Loseto (27')
Arbitro: Ciulli di Roma
Note:
Giornata di sole con leggero vento di tramontana che nel primo tempo ha favorito il Pescara.Terreno in buone condizioni. Spettatori 20.000 circa (di cui 3.000 pescaresi giunti con pulmann e treni speciali) per un incasso di oltre 25 milioni di Lire. Si temeva qualche incidente, invece filato tutto liscio, a parte una scaramuccia prima dell'inizio della partita peraltro subito sedata. Al termine della partita, proprio per dimostrare che si era trattato di un episodio isolato ed insignificante, alcuni tifosi sono andati a salutare i tifosi del Pescara applaudendoli e scambiando con loro le bandiere delle due squadre. Al 21' s.t. infortunio a Capogna (PE) (distorsione alla caviglia sinistra). Angoli 9 a 0 (p.t. 5 a 0) per il Lecce.
Cronaca:
I tamburi suonano all'impazzata. Il Pescara (imbattuto da nove giornate, sei soli gol al passivo nelle precedenti 17 giornate) servito. Per il Lecce (favoloso, letteralmente) e per i leccesi (da oscar della correttezza con tanti ospiti abruzzesi) giornata di festa: 3 a 0 con il Pescara capolista, a fotografare una partita stupenda, condotta col piglio dello squadrone[.....]Innanzitutto ideale disposizione psicologica: concentrazione e sicurezza a prova di bomba[......] Il Lecce si disposto con saggezza, rispondendo con efficacia sul piano atletico, con difensori che lasciavano il loro posto soltanto quando logica lo imponeva, centrocampo mai allentato, attaccanti a far movimento, sensa perdere senso di geometria. Primo tempo di sacrificio nel complesso, nessun bagliore, ma collettivo qualificatissimo.[.....] La ripresa ripeteve il clich dell'ultimo Lecce ed in particolare di quello dell'altra domenica; al 2' era gi gol[.....] con Crispino che al centro dell'area riceveva una punizione di Materazzi, si spostava sulla sinistra e, di sinistro, girandosi a m di mezza rovesciata, mandava di precisione il pallone alla sinistra del povero Cimpiel[.....] In porto il primo gol il Pescara si sfaldava[......] Il raddoppio era nell'aria, ed arrivava puntuale al 20': Crispino mandava un pallone in area, Lopez appoggiava maldestramente dietro verso il portiere, in vero allungo per Fiaschi che pronto mandava in rete, facile facile[...]La partiva era finita........quando prendeva corpo la regola del tre: Crispino scambiava con Fortunato, la mezz'ala destra seguito da un avversario, ondeggiava col corpo, Cimpiel si confondeva......ed ecco la zampata decisiva col collo del piede alla sinistra del portiere. Un epilogo alla grande, con rete segnata alla maniera di Fortunato, una vecchia volpe che non ha dimenticato di aver giocato nel grande Milan (quello grande davvero)[....] E' un signor Lecce, non ci sono dubbi.