Tabellino della partita

20/04/2005, ore 20:30 - Lecce, stadio Via del Mare
32° giornata del Campionato di Serie A 2004/2005
Lecce 1Bologna 1
Sicignano
Angelo
Diamoutene
Stovini
Rullo
Cassetti
Dalla Bona
Giacomazzi
Konan
Vucinic
Pinardi
Pagliuca
Juarez
Torrisi
Gamberini
Sussi
Legrottaglie
Bellucci
Amoroso
Giunti
Meghni
Cipriani
All.: ZemanAll.: Mazzone
Eventi:
20' Gol Giacomazzi
29' Ammonizione Juarez
42' Gol Bellucci
48' p.t. Ammonizione Stovini
46' Sostituzione Locatelli per Meghni
47' Ammonizione Cipriani
56' Sostituzione Eremenko per Giacomazzi
60' Ammonizione Angelo
61' Ammonizione Eremenko
69' Sostituzione Colucci per Amoroso
71' Sostituzione Nervo per Bellucci
79' Sostituzione Mattioli per Pinardi
91' Ammonizione Diamoutene
Arbitro: Rocchi di Firenze
Note:
Cronaca:
Il Lecce propone Angelo sul fronte destro della linea difensiva, con conseguente avanzamento a centrocampo di Cassetti; nel Bologna spazio agli ex-leccesi Juarez e Cipriani. La sfida fra Zeman e Mazzone comincia all'insegna dell'agonismo: nei primissimi minuti di gioco Konan, Vucinic e Stovini devono fare ricorso alle cure dei sanitari. Il Lecce cerca di fare la partita e al 20' i suoi sforzi vengono premiati: al termine di una splendida azione corale Ŕ Giacomazzi ad insaccare con un destro al volo. Anche dopo il vantaggio, il Lecce continua a proporsi in avanti: Dalla Bona e Cassetti ci provano da fuori, Vucinic supera Pagliuca, ma trova l'opposizione di Gamberini. Tuttavia il Lecce concede al Bologna di operare di rimessa e sugli sviluppi di un lancio lungo, un'incertezza della difesa leccese permette a Bellucci di battere Sicignano con un diagonale. Il Lecce accusa il pareggio e nei minuti di recupero rischi anche di andare sotto: al 49' Cipriani colpisce il palo alla sinistra di Sicignano.
Il secondo tempo si apre con i tentativi del Lecce, affidati a Vucinic e Konan; per il Bologna risponde il solito Bellucci. Il passare del tempo, per˛, fa riflettere le squadre sull'utilitÓ del pareggio e le ostilitÓ vanno man mano smorzandosi. L'ultimo sussulto Ŕ dato da un tiro deviato di Cassetti, che si spegne sul fondo a Pagliuca battuto.