Tabellino della partita

04/12/2006, ore 20:45 - Lecce, stadio Via del Mare
14° giornata del Campionato di Serie B 2006/2007
Lecce 2Brescia 1
Benussi
Angelo
Camisa
Petras
Polenghi
Giacomazzi
Juliano
Vives
Babù
Osvaldo
Valdes
Viviano
Santacroce
Mareco
Zoboli
Cortellini
Stankevicius
Zambrella
Hamsik
Possanzini
Mannini
Colombo
Allenatore:
Zeman
Allenatore:
Somma
Sostituzioni:
Cozzolino per Babù (53')
Rullo per Polenghi (71')
Herzàn per Giacomazzi (80')
Sostituzioni:
Jadid per Zambrella (71')
Maccan per Colombo (88')
Serafini per Mannini (91')
Reti:
Osvaldo (14') video

Osvaldo (92') video
Reti:

Possanzini (29') video

Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Petras
ammonizione Juliano
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Viviano
ammonizione Santacroce
ammonizione Zoboli
Arbitro: Trefoloni di Siena
Note:
Cronaca:
L’incontro è stato viziato da un clamoroso errore dell’assistente Iannello: il guardalinee al 13’ ha segnalato un gol salentino dopo un’inzuccata di Osvaldo. L’arbitro Trefoloni ha convalidato, ma il pallone, in realtà, è stato stoppato dal portiere Viviano con un gomito prima che oltrepassasse la linea di porta. Dopo il vantaggio la squadra salentina, quasi impaurita, tatticamente lunga e poco dinamica concede molto in difesa e costruisce poco in attacco. Il Brescia dal canto suo non si scompone e dopo aver impensierito infinite volte Benussi trova il pari. A siglarlo è Possanzini, al 29’, che approfitta d’un disimpegno errato di Camisa. In seguito è la formazione lombarda a fare la partita, ma Mannini (37’) prima e Hamsik (55’) poi trovano sulla loro strada un Benussi in serata di grazia. I salentini poco ritmici e poco zemaniani, non vanno oltre i tiri da fuori, come quello di Vives che al 69’ impegna Viviano. Ma improvvisamente, forse anche spinto dall’invito della curva a "tirare fuori gli attributi", ecco il Lecce che non t’aspetti e mentre tutti attendevano il raddoppio bresciano, al 93’ è giunto a sorpresa quello dei salentini, ancora grazie ad Osvaldo che, questa volta, infila regolarmente facendo carambolare la palla sul palo alla destra dell’incolpevole Viviano. Per il Brescia ci sarà solo il tempo di recriminare per una sconfitta maturata al termine di una partita dominata in lungo e in largo.