Tabellino della partita

10/03/2007, ore 15:00 - Lecce, stadio Via del Mare
27° giornata del Campionato di Serie B 2006/2007
Lecce 5Frosinone 0
Pavarini
Polenghi
Diamoutene
Cottafava
Tesser
Munari
Juliano
Vives
Giuliatto
Valdes
Tiribocchi
Chiodini
Ischia
Argilli
Cannarsa
Bocchetti
Lodi
Perra
D'Antoni
Di Venanzio
Di Nardo
Dedic
All.: PapadopuloAll.: Iaconi
Eventi:
13' Gol Polenghi
15' Gol Munari
38' Gol Munari
41' Espulsione diretta Argilli
42' Gol su rigore Valdes [rig.]
53' Sostituzione HerzÓn per Juliano
55' Sostituzione Lacrimini per Di Venanzio
57' Sostituzione Vascak per Tesser
59' Sostituzione Galasso per D'Antoni
66' Gol Vascak
67' Sostituzione Castillo per Di Nardo
68' Sostituzione Caccavallo per Valdes
Ammonizione Polenghi
Ammonizione Cannarsa
Arbitro: Gava di Conegliano Veneto
Note:
Giornata piovosa, terreno di gioco in discrete condizioni.
Cronaca:
Parte forte il Lecce, che batte due corner nei primi secondi di gioco; al 3' Di Nardo prova l'alleggerimento, presentandosi in posizione favorevole per il tiro, ma la difesa salentina lo blocca in extremis. Al 13' c'Ŕ una bella combinazione tra Tesser e Tiribocchi, quest'ultimo va al tiro spalle alla porta e trova la pronta risposta in angolo del portiere laziale. Sugli sviluppi del corner (battuto da Giuliatto) Tiziano Polenghi prende l'ascensore e ritorna indietro con un gol pesantissimo che porta i salentini al piano 1 (inutile il tentativo di salvataggio in extremis da parte di Dedic). Al 15' i salentini raddoppiano, grazie alla distratta difesa del Frosinone, ancora scottato dal gol dell'1-0. Munari, infatti, va ad impattare casualmente il rinvio di Argilli e la palla s'infila in porta. Nonostante il Lecce abbia messo una seria ipoteca sul risultato finale, le due squadre non rinunciano a rendersi pericolose. Al 16' Tiribocchi servito al limite dell'area, non riesce a scagliare un tiro dei suoi e Chiodini para facilmente. Al 18' ciociari vicinissimi al gol: Lodi tira sottomisura trovando un respinta della difesa giallorossa (forse con la mano, i laziali hanno protestato), la palla arriva a Di Nardo che coglie il palo. Dopo aver preso il montante, i giallobl¨ di Iaconi continuano a premere. Al 27' Dedic se ne va al fianco di Diamoutene, riesce a superare il difensore leccese e si porta al tiro, da dentro l'area, con un gran diagonale impreciso di poco. La pressione dei laziali non trova sbocchi, mentre al 38' il Lecce colpisce col "Pajarito": Ŕ strepitoso Valdes nel superare in dribbling tutti i difensori frusinati (portiere compreso) e a mettere in rete la palla alle spalle di Chiodini. In realtÓ, per˛, l'ultimo tocco Ŕ evidentemente di Munari, che colpisce il pallone sulla linea di porta nel tentativo di evitarlo (il centrocampista era infatti in off-side). Neanche il tempo di annotare minuto e punteggio che (come se non bastasse) al 40' il Lecce guadagna un calcio di rigore e la superioritÓ numerica. Fallo di Argilli (espulso per fallo da ultimo uomo) su Valdes appena entrato in area, lo stesso trequartista cileno va dal dischetto e trasforma con palla a destra e portiere a sinistra. E con il clamoroso risultato di 4-0 si chiude il primo tempo.
Nella ripresa l'intensitÓ del match Ŕ un po' affievolita. "Les jouex sont faits", tranne che per Vives: al 61' il centrocampista salentino si porta al tiro dai venticinque metri e coglie la traversa. Al 66' il 5-0 si concretizza con l'ex trevigiano Vascak, entrato in campo da pochi minuti, che trova un sinistro al curaro dai venti metri: palla imparabile nell'angolino alla destra di Chiodini. Al 90' cross di Vives, deviazione sottomisura di Tiribocchi con Chiodini che si supera; la palla arriva a Caccavallo che dribbla il marcatore e scarica un violento tiro che incoccia la traversa.