Tabellino della partita

29/11/2008, ore 18:00 - Catania, stadio A. Massimino
14° giornata del Campionato di Serie A 2008/2009
Catania 1Lecce 1
Bizzarri
Sardo
Stovini
Silvestre
Sabato
Carboni
Ledesma P.
Biagianti
Mascara
Paolucci
Plasmati
Benussi
Polenghi
Fabiano
Schiavi
Esposito
Munari
Zanchetta
Ardito
Ariatti
Giacomazzi
Tiribocchi
Allenatore:
Zenga
Allenatore:
Beretta
Sostituzioni:
Tedesco Gia. per Biagianti (71')
Martinez per Plasmati (80')
Izco per Ledesma P. (83')
Sostituzioni:
Castillo per Giacomazzi (69')
Antunes per Tiribocchi (92')
Reti:
Paolucci (61') video

Reti:

Castillo (69') video
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Silvestre (50')
ammonizione Paolucci (61')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Zanchetta (34')
ammonizione Ardito (38')
ammonizione Polenghi (52')
Arbitro: Dondarini di Finale Emilia
Note:
Terreno di gioco in buone condizioni; minuti di recupero: p.t. 2, s.t. 3; tiri in porta 5-4; tiri fuori 0-4; palle perse 12-10.
Diffidati: Diamoutene, Esposito.
Cronaca:
5' Giacomazzi lanciato benissimo viene fermato da Silvestre, ammonizione sacrosanta per il difensore catanese; il calcio di punizione susseguente è battuto da Zanchetta, ma la palla termina alta. La risposta del Catania al 7': colpo di testa di Plasmati, che da undici metri impegna in corner Benussi. Al 9', sul terzo corner consecutivo per i rosso-azzurri, deviazione di testa del terzino catanese Sabato e gran respita del portiere leccese. Dopo un avvio equilibrato, attorno al 10' il Catania è già in pieno forcing. Il Lecce soffre moltissimo.
Al 13' Tiribocchi riceve un passaggio di testa, cerca il sinistro in area sul primo palo, ma la palla sfila sul fondo. 15' e giallorossi ancora in avanti: cross tagliato di Ariatti dalla sinistra, Bizzarri smanaccia, Giacomazzi tenta di rimettere in mezzo ma l'azione sfuma. Al 23' siciliani pericolosi: corner di Mascara da destra, Benussi allontana, ma Stovini aggancia e tenta il tiro al volo con palla alta.
Col passare dei minuti la gara perde di intensità, diventando anche noiosa. Zanchetta ed Ardito si guadagnano un cartellino giallo a testa per falli a centrocampo. Ma non accade più niente sino alla fine, eccetto una punizione di Zanchetta (nel recupero) che la difesa catanese allontana con qualche affanno.
La ripresa si apre con un errore dell'arbitro Dondarini, che fischia un fallo inesistente ad Ariatti (49'). Al 50' Tiribocchi cerca lo sfondamento sulla destra, ma in extremis la difesa catanese riesce a chiudere in fallo laterale. La gara è davvero vivissima, al 53' il Catania costruisce la migliore opportunità, con Paolucci che calcia forte dal limite e coglie il palo esterno.
Vari rovesciamenti di fronte: al 58' Paolucci affonda a sinistra e prova un tiro-cross parato da Benussi; al 61' un vivace Munari tenta il destro da lontano, ma la palla finisce in curva. Sull'azione successiva il Catania è in vantaggio: Mascara mette in mezzo, Biagianti controlla male allungandosi il pallone, ma fornisce un assist perfetto a Paolucci che segna con un poderoso diagonale di sinistro.
Beretta, con la sua squadra in svantaggio, cambia modulo e passa al 4-4-2: al posto dell'acciaccato Giacomazzi entra Castillo. La scelta del tecnico leccese è vincente, un minuto dopo i giallorossi pareggiano. Munari serve un assist perfetto di testa per il neo-entrato Castillo che fredda Bizzarri con un preciso tiro di destro.
Il Lecce ci prova ancora al 78' con Ariatti, ma il tiro dal limite del centrocampista è parato a terra da Bizzarri. All'81' è Tiribocchi a rendersi pericoloso con un tiro dal limite, Bizzarri para in due tempi.
E' un finale davvero emozionante: all'87' Tiribocchi serve Castillo al limite dell'area, tiro dell'argentino chiuso in fallo laterale da Sabato; all'88' Paolucci impegna Benussi con un gran tiro dal limite, il portiere para senza trattenere e la difesa salentina deve rifinire in corner.