Tabellino della partita

18/01/2009, ore 15:00 - Lecce, stadio Via del Mare
19° giornata del Campionato di Serie A 2008/2009
Lecce 0Genoa 2
Benussi
Polenghi
Esposito
Fabiano
Giuliatto
Munari
Zanchetta
Caserta
Giacomazzi
Castillo
Tiribocchi
Rubinho
Papastathopoulos
Ferrari
Biava
Mesto
Motta
Juric
Criscito
Rossi M.
Olivera
Jankovic
Allenatore:
Beretta
Allenatore:
Gasperini
Sostituzioni:
Ariatti per Giacomazzi (70')
Cacia per Polenghi (73')
Papadopoulos per Munari (84')
Sostituzioni:
Sculli per Olivera (63')
Vanden Borre per Jankovic (80')
Milanetto per Mesto (83')
Reti:


Reti:
Jankovic (69') video
Sculli (92') video
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Zanchetta (33')
ammonizione Fabiano (36')
ammonizione Polenghi (37')
ammonizione Munari (80')
ammonizione Caserta (94')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Papastathopoulos (18')
ammonizione Juric (67')
Arbitro: Pinzani di Empoli
Note:
Temperatura attorno ai 14°C; terreno di gioco in discrete condizioni; spettatori: 8.152; corner: 4-5; minuti di recupero: p.t. 2, s.t. 5
Squalificati: Bocchetti (G).
Cronaca:
Due squadre offensive e ben messe in campo che provano subito a pungersi. Al 5' bel cross di Giuliatto, il portiere del Genoa agguanta la sfera allungandosi; subito dopo lancio al volo di Tiribocchi per Giacomazzi, fermato dall'arbitro per un fuorigioco molto dubbio. 8' rossoblù vicini al gol sul primo corner della partita: dalla bandierina Juric, stacca in area Jankovic ma Benussi è attento e para in maniera plastica. Marco Rossi larghissimo sulla destra fa soffrire la difesa giallorossa, Giuliatto è costretto ad atterrarlo e l'arbitro Pinzani lo grazia dal primo giallo.
Si vede Tiribocchi al 13', con un tiro dal limite dell'area che Rubinho non ha però difficoltà a parare. La marcatura di Giuliatto su Rossi proprio non va: al quarto d'ora il genoano riceve un pallone in area e cerca il tiro sul primo palo, senza trovare la porta. 20' anche il Lecce pericoloso su corner: batte Giuliatto, mentre Giacomazzi tocca sul primo palo, poi né Esposito né Tiribocchi riescono a spingere la palla verso la porta.
25' miracolo di Benussi: Mesto scatta sul filo del fuorigioco, a tu per tu col portiere salentino non riesce a superarlo, anche grazie al mega-intervento dell'estremo difensore veneziano. Il Genoa preme. Al 30' cross di Mesto, Polenghi riesce ad anticipare Jankovic, poi contro-cross di quest'ultimo per Olivera che non trova la porta. Al 36', in due minuti, ammonizione prima a Fabiano e poi a Polenghi, per due interventi da dietro piuttosto ingenui. L'assistente Melloni sbaglia ancora: al 41' Castillo prolunga di testa per Tiribocchi, diagonale del centravanti che Rubinho devia comunque in angolo, ma l'arbitro fischia dopo la segnalazione errata.
Il Lecce sembra più convinto in avvio di ripresa, anche perchè i risultati dagli altri campi sono pessimi. Al 51' Zanchetta batte male una punizione dal limite dell'area, palla alta sulla traversa. Giallorossi pericolosi al 57': Tiribocchi serve Caserta per il tiro, ma l'ex catanese si decentra troppo e calcia alto.
67' salentini vicini al vantaggio: Tiribocchi solo davanti a Rubinho, cerca di superarlo ma il portiere lo anticipa. Gol sbagliato dal Lecce e gol del Genoa: passano appena sessanta secondi, cross di Mesto da destra, il serbo Jankovic sorprende il marcatore diretto (Fabiano) e infila Benussi con un prodigioso colpo di tacco.
Il Lecce cerca la risposta al 73': corner di Giuliatto, stacco di testa di Caserta con palla alta sulla traversa. Gara difficilissima per il Lecce, che comunque cerca il pareggio. 76' Zanchetta al volo di controbalzo su cross di Giuliatto, buona intenzione ma palla fuori. Nel finale Beretta si gioca anche la carta Papadopoulos (al posto di Munari), ma è il Genoa - al 90' - a fallire il raddoppio con Rossi, che s'invola dopo uno svarione di Giuliatto ma è anticipato da super-Benussi.
Tiribocchi oggi non ne ha fatta una giusta: al 91' riceve palla su corner corto e s'inventa un tiro cross senza nessun risultato positivo. Così al 92' i rossoblù chiudono la partita in contropiede con Sculli, che mette in porta un pallone impossibile da sbagliare.