Tabellino della partita

16/08/2009, ore 20:30 - Genova, stadio L. Ferraris
Coppa Italia 2009/2010 - Terzo turno
Sampdoria 6Lecce 2
Castellazzi
Cacciatore
Lucchini
Rossi
Ziegler
Padalino
Palombo
Tissone
Mannini
Pazzini
Cassano
Rosati
Angelo
Diamoutene
Fabiano
Mazzotta
Mesbah
Giacomazzi
Edinho
Defendi
Vives
Baclet
Allenatore:
Del Neri
Allenatore:
De Canio
Sostituzioni:
Stankevicius per Cacciatore (54')
Poli per Tissone (71')
Bellucci per Cassano (83')
Sostituzioni:
Schiavi per Diamoutene (46')
Lepore per Mesbah (61')
Reti:
Pazzini (8') video
Cassano (32') video
Pazzini (33') video
Cassano (60') video

Palombo [rig.] (75') video

Padalino (90') video
Reti:




Defendi (72') video

Vives (81') video

Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Cacciatore (50')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Vives (13')
ammonizione Mazzotta (39')
ammonizione Giacomazzi (62')
ammonizione Fabiano (68')
espulsione Angelo (74')
ammonizione Schiavi (86')
Arbitro: Rosetti di Torino
Note:
Cronaca:
"[...] Il match è a senso unico. Palombo e Tissone, soprattutto il secondo visto che il primo deve fare i conti con il pressing di Vives, comandano il gioco. Mannini e Padalino incidono sulle corsie laterali, ben assistiti dai terzini cacciatore e Ziegler. Pazzini è letale fin dalla prima chance, anche grazie alla coppia centrale del Lecce, disattenta a dir poco. Palombo trova un corridoio perfetto per il centravanti, che mette il corpo tra la palla e Fabiano e batte Rosati con un destro non proprio irresistibile. Sono passati solo otto minuti dall'avvio e la Samp corre in discesa. Diamoutene, per di più, è in serata da guai: apre un varco a Mannini con un errore clamoroso, ma l'esterno blucerchiato sceglie la soluzione peggiore, servendo una palla avvelenata per Padalino. Super Genio Cassano stenta a entrare in gioco, ma quando si accende il suo genio per il Lecce è un disastro: con un colpo di tacco, su angolo di Ziegler, fissa il 2 a 0, con un passaggio «estil Laudrup», fatto guardando nella direzione opposta, innesca Mannini per l'assist del 3 a 0 di Pazzini, con un pallonetto delizioso, su lancio di Stankevicius, sforna il 4 a 0, con un passaggio millimetrico sistema Poli davanti a Rosati, costringendo Angelo al fallo da rigore e da espulsione. Magie da cineteca, che Lippi si farà raccontare dal suo osservatore Pezzotti, presente in tribuna per Palombo, Pazzini e un po' anche per Cassano. Nel frattempo Defendi e un autogol di Lucchini hanno reso meno duro il risultato per il Lecce, ma per i salentini è una consolazione davvero striminzita, visto che pure Padalino, allo scadere, batte Rosati, solissimo grazie all'assist di Stankevicius". (Alessio Da Ronch - www.gazzetta.it)