Tabellino della partita

06/02/2011, ore 15:00 - Lecce, stadio Via del Mare
24° giornata del Campionato di Serie A 2010/2011
Lecce 2Palermo 4
Rosati
Tomovic
Fabiano
Ferrario
Brivio
Munari
Vives
Giacomazzi
Mesbah
Olivera
Jeda
Sirigu
Cassani
Munoz
Andelkovic
Darmian
Migliaccio
Bacinovic
Nocerino
Kasmi
Pastore
Miccoli
Allenatore:
De Canio
Allenatore:
Rossi
Sostituzioni:
Chevanton per Brivio (63')
Corvia per Vives (76')
Piatti per Jeda (80')
Sostituzioni:
Garcia per Darmian (33')
Hernandez per Miccoli (46')
Ilicic per Kasami (52')
Reti:
Giacomazzi (17')

Jeda (50')



Reti:

Miccoli (47' p.t.)

Pastore (57')
Hernandez (60')
Ilicic (62')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Fabiano
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Pastore
ammonizione Bacinovic
ammonizione Munoz
ammonizione Hernandez
Arbitro: Brighi di Cesena
Note:
Cronaca:
"[...] Delio Rossi concede un po' di riposo a Ilicic, seduto in panchina, e propone Kasami dal 1' accanto a Pastore e a Miccoli, cuore leccese. De Canio, ancora privo di Di Michele, affida l'attacco a Jeda, con Olivera e Mesbah a supporto. Il primo tempo lo comanda la squadra di casa, ben messa in campo e decisa a imporre il proprio gioco. I rosanero mancano di idee in fase di attacco e subiscono sistematicamente le iniziative giallorosse. Al quarto d'ora ci vuole il miglior Sirigu per dire di no a Giacomazzi. Ma il capitano del Lecce si rif 2' dopo, quando insacca una punizione scodellata in area da Olivera. Il vantaggio meritato.
Giacomazzi colpisce anche un palo clamoroso al 42': probabilmente sarebbe stata la rete del k. o. per gli ospiti. E invece ecco che il Palermo torna in corsa: al 43' Nocerino fallisce l'1-1 calciando sul fondo a 4 metri dalla porta. Poi Bacinovic conquista una punizione dal limite. Va alla battuta Miccoli, grande tifoso del Lecce, la sua terra. Ma da grande professionista, il 'bomber tascabile' trasforma il calcio piazzato infilando Rosati agli incroci. La faccia 'da funerale' del capitano rosanero, festeggiato dai compagni, dice tutto. Dice talmente tanto che Delio Rossi lo lascia negli spogliatoi ad inizio ripresa, preferendogli Hernandez, di nuovo in campo dopo tre mesi di assenza.
Dopo 5' di secondo tempo, torna avanti il Lecce che sembra cos consolidare la propria supremazia: Munari allarga a destra a Olivera, cross a mezza altezza in area, tutti mancano la palla. Ma c' un rimpallo che favorisce Jeda il quale conclude dai 13 metri non lasciando scampo a Sirigu. Siamo 2-1.
Al 10' il tecnico Rossi leva dal campo anche Kasami per inserire Ilicic. Lo sloveno, insieme a Hernandez e alla rinascita di Pastore, decisivo. Infatti gi al 12' arriva il 2-2: bellissima palla di Ilicic in verticale, per il Flaco che davanti a Rosati non sbaglia. Pastore e il Palermo sembrano svegliarsi da un lungo sonno e affondano il Lecce in 5': al quarto d'ora ecco il 2 a 3 siglato da Hernandez che raccoglie una palla spizzata di testa da Migliaccio, a centrocampo, e batte Rosati. Non finita. La differenza che possono fare i talenti siciliani si vede tutta nella rete del 2 a 4: Ilicic e Pastore dialogano di prima sulla trequarti e il Flaco consegna al compagno una palla che solo da insaccare. Il Lecce stordito e i cambi di De Canio non mutano il volto alla gara, ormai nelle mani salde degli ospiti. Il Palermo, in classifica, tiene il passo dell'Udinese, salendo a quota 40, al quinto posto. Per il Lecce resta dura la corsa salvezza: la terz'ultima (il Brescia) adesso solo a meno 2 punti. [...]" (Federico Sala - repubblica.it)