Tabellino della partita

27/02/2011, ore 15:00 - Brescia, stadio M. Rigamonti
27° giornata del Campionato di Serie A 2010/2011
Brescia 2Lecce 2
Arcari
Zebina
Mareco
Zoboli
Zambelli
Hetemaj
Zanetti
Kone
Berardi
Caracciolo
Diamanti
Rosati
Donati
Gustavo
Fabiano
Brivio
Grossmüller
Munari
Bertolacci
Mesbah
Olivera
Jeda
Allenatore:
Iachini
Allenatore:
De Canio
Sostituzioni:
Eder per Diamanti (66')
Lanzafame per Hetemaj (74')
Daprelā per Kone (87')
Sostituzioni:
Corvia per Grossmüller (24')
Piatti per Bertolacci (66')
Coppola per Jeda (77')
Reti:
Caracciolo (17')
Zoboli (19')


Reti:


Corvia (30')
Munari (70')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Zoboli
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Gustavo
ammonizione Corvia
ammonizione Mesbah
Arbitro: Morganti di Ascoli
Note:
Al 92' espulsi per proteste il team manager del Brescia Edoardo Piovani ed il vice allenatore Giuseppe Carillo.
Cronaca:
"[...] Campo pesante a Mompiano: la pioggia mista alla neve rendono la temperatura molto rigida ed č difficile giocare a calcio. Iachini non ha Bega, influenzato, al suo posto c'č Mareco. In attacco Diamanti č preferito a Eder. Le rondinelle partono a razzo, il Lecce si fa schiacciare; al 17' arriva il vantaggio di Caracciolo, che trasforma in assist un cross al bacio di Zambelli. Tempo due minuti e il Brescia raddoppia: angolo di Diamanti, testa di Zoboli, palla in fondo al sacco. Grande calcio.
Il Lecce corre ai ripari, inserisce Corvia per Grossmuller e l'attaccante di scuola Roma accorcia le distanze al 31'. Liscio di Mareco, Munari serve il numero 9 che con un pallonetto scavalca Arcari. Nella ripresa il Brescia si allunga, ha le gambe pesanti e il Lecce mette fuori la testa. Lo fa con Mesbah (bravo Arcari nella respinta), quindi al 25' trova il pareggio. Incredibile come l'azione nasca da una rimessa laterale, con Munari che sguscia tra Konč e Zambelli, quindi insacca davanti ad Arcari.
Il Brescia ha la forza di reagire, pių con il cuore che con la testa e al 48' trova la rete del 3-2. Palla in area salentina (con tanto di fallo di mano di un leccese), Olivera tocca verso la porta e Caracciolo ne approfitta per insaccare. L'Airone esulta, Morganti guarda l'assistente Alessandroni e annulla per fuorigioco. Inenistente. Ma a quel punto al Brescia, oltre al rammarico, resta soltanto in tasca un punto." (Gianluca Magro - www.giornaledibrescia.it)