Tabellino della partita

18/12/2011, ore 15:00 - Parma, stadio E. Tardini
16° giornata del Campionato di Serie A 2011/2012
Parma 3Lecce 3
Mirante
Zaccardo
Lucarelli A.
Gobbi
Paletta
Morrone
Galloppa
Modesto
Valiani
Biabiany
Floccari
Bertagnoli
Esposito
Ferrario
Oddo
Carrozzieri
Cuadrado
Olivera
Strasser
Giacomazzi
Di Michele
Muriel Fruto
Allenatore:
Colomba
Allenatore:
Cosmi
Sostituzioni:
Pellè per Valiani (64')
Palladino per Modesto (73')
Jadid per Lucarelli A. (82')
Sostituzioni:
Gabrieli per Bertagnoli (33')
Brivio per Esposito (47' p.t.)
Grossmüller per Muriel Fruto (78')
Reti:
Floccari [rig.] (18') video



Pellè (86') video
Galloppa (93') video
Reti:

Di Michele (58') video
Di Michele (61') video
Cuadrado (77') video


Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Gobbi (10')
ammonizione Paletta (42')
ammonizione Galloppa (60')
ammonizione Morrone (79')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Carrozzieri (8')
ammonizione Ferrario (44')
ammonizione Di Michele (80')
Arbitro: Gava di Conegliano Veneto
Note:
Cronaca:
"[...] Per scardinare la difesa del Lecce, la più battuta del campionato, Colomba si affida a tecnica e velocità. Floccari è chiamato a costruire gioco, cercando appoggio in Biabiany, che in quel ruolo ci ha giocato tante volte. Modesto ritorna a sinistra dal primo minuto, con Valiani che transita a destra. Cosmi invece, sceglie un centrocampo tecnico, con Giacomazzi e Olivera che costruiscono, provando ad innescare la velocità di Muriel e Di Michele, accompagnati da Cuadrado che fa il terzo nel tridente salentino.
Partenza ragionata delle due squadre, con il Lecce che sente il peso della classifica e appare timoroso. Ci pensa Oddo a scuotere la sua squadra, con una punizione dalla tre quarti molto tagliata che non trova nessuno pronto per la facile deviazione. Dopo questo regalo concesso gentilmente dalla squadra di Cosmi, il Parma si riassesta mostrandosi compatto e reattivo. Galloppa orchestra con dedizione e quando serve dispensa randellate e recuperi, Biabiany va troppo veloce per Ferrario e compagni, tanto che, al 18', il Parma passa in vantaggio con la prima rete in gialloblu di Floccari, freddissimo a spiazzare Julio Sergio dal dischetto, dopo che proprio Biabiany, protagonista di uno slalom gigante, è stato atterrato in area. Finisce il periodo, durato circa tre mesi e mezzo, delle punte gialloblu senza gol. La reazione del Lecce non è convinta, si fa fatica a costruire gioco, pochi i palloni giocabili per l'attacco giallorosso. Il Parma governa il campo e va vicino al 2 a 0 prima con Biabiany, anticipato in uscita da Julio Sergio, lo stesso sarà poi costretto ad uscire per problemi fisici, poi con Morrone, il cui pallonetto alla Giovinco termina fuori per una questione di centimetri. Poca roba il Lecce, quasi mai pericoloso dalle parti di Mirante. Poco lucida la squadra di Cosmi, senza idee in mezzo al campo.
I primi dieci minuti sono tutti di marca giallorossa, con il Parma che abbassa pericolosamente il baricentro. Rimane schiacciata nella propria metà campo la squadra di Colomba, preoccupandosi di chiudere i varchi, ma l'insistenza dei ragazzi di Cosmi viene premiata al 13', per gentile concessione della retroguardia crociata che va in vacanza anticipatamente. Il rasoterra di Brivio viene deviato in porta da Di Michele, liberissimo di infilare Mirante. Lo stesso attaccante è bravissimo tre minuti dopo, quando con una rovesciata spettacolare raccoglie gli applausi del Tardini e porta in vantaggio i suoi. Clamoroso ribaltamento, con Colomba che corre ai ripari, affiancando a Floccari l'ex di turno Pellè che avrebbe subito l'occasione di lasciare il segno ma spreca, non calciando al volo. Rinforza l'attacco il Parma, con Palladino che rileva Modesto. Ma il gol lo segna il Lecce, con Cuadrado lanciato in contropiede da Muriel. Incredibile errore di posizionamento del Parma che subisce una ripartenza letale dopo un calcio d'angolo. Non sembra più esserci il Parma, la pressione del Lecce è alta e Colomba si sgola. Pellè riporta in campo i suoi, sfruttando l'errore di Gabrieli, in vena di regali come il Parma. La sua uscita sbilenca permette all'attaccante di segnare il primo gol a porta vuota, su assist di Morrone. Finita? Macchè, Galloppa pareggia con un sinistro di controbalzo una partita incredibile [...]" (Guglielmo Trupo - www.parmatoday.it)