Tabellino della partita

01/04/2015, ore 17:00 - Lecce, stadio Via del Mare
33° giornata del Campionato di Serie C1 2014/2015
Lecce 1Benevento 0
Scuffia
Diniz
Vinetot
Abruzzese
Beduschi
Salvi
Bogliacino
Papini
López
Gustavo
Doumbia
Pane
Celjak
Som
Vitiello
Lucioni
Scognamiglio
Campagnacci
D'Agostino
Eusepi
Mazzeo
Alfageme
Allenatore:
Bollini
Allenatore:
Brini
Sostituzioni:
Herrera per Bogliacino (64')
Embalo per Gustavo (86')
Sacilotto per Salvi (88')
Sostituzioni:
Pezzi per Alfageme (68')
Padella per Campagnacci (74')
Marotta per D'Agostino (78')
Reti:
Papini (75') video
Reti:

Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Doumbia (45')
ammonizione Beduschi (52')
ammonizione Papini (79')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Campagnacci (56')
ammonizione Scognamiglio (74')
ammonizione Vitiello (81')
ammonizione Pezzi (85')
Arbitro: Dei Giudici di Latina
Note:
Il portiere del Benevento, Pane, è stato espulso dopo il fischio finale, per scorrettezze commesse negli ultimi secondi di gioco.
Cronaca:
"[...] Dopo un primo tempo di sostanziale equilibrio due occasioni in particolari, una capitata ad Eusepi al 28’ che salta Diniz ma si attarda nel tirare e nel face to face con Scuffia si lascia praticamente anticipare. L’altra capitata al Lecce al 44’ del primo tempo, su punizione, quando una palla calciata dalla destra e indirizzata sul secondo palo mette in crisi la retroguardia sannita. Pane prima accenna l’uscita poi cambia idea, Scognamiglio si lascia anticipare di testa e la sfera arriva in area piccola a Vinetot che tenta il tiro da distanza ravvicinata, ribattuto poi da Pane.
Tra i due episodi solo alcuni tiri dalla distanza. Ci prova prima Bogliacino al 10’ ma il tiro è ben controllato da Pane e poi D’Agostino al 20’, il sinistro dell’ex Siena esce di pochissimo a lato. La truppa di Bollini, nel secondo tempo però rompe gli argini. Infatti in soli dodici minuti collezione ben quattro palle goal. Al 3’ ci prova Lopez, conclusione centrale. Al 5’ il tacco di Bogliacino innesca Doumbia che anticipa Pane in uscita ma non centra lo specchio della porta. Al 9’ l’incomprensione tra Lucioni e Scognamiglio regala il pallone a Bogliacino che calcia dal limite, ma la palla si spegne sul fondo non senza qualche brivido.
Al 12’ è ancora Doumbia che approfitta di un errore di Scognamiglio per calciare anche se pressato da Lucioni, ma la palla viene svirgolata ed è rimessa dal fondo per i sanniti. Per vedere la reazione del Benevento, bisogna aspettare il 25’, quando Vitiello tenta la conclusione dalla distanza senza conseguenze. Al 29’ Brini decide che è ora di coprirsi, lasciando intendere che forse il pareggio è cosa giusta, allora toglie Campagnacci ed inserisce Padella.
Non passa un minuto che l’oggetto dei desideri nel mercato di riparazione, Papini sigla in vantaggio girando in rete il calcio di punizione di Herrera. Brini a questo punto inserisce Marotta e fa accomodare in panca D’Agostino, ed il Benevento gioca in una sorta di 3-5-2 con Mazzeo libero di agire dietro Marotta ed Eusepi. In effetti, anche l’occasione più ghiotta della ripresa per i sanniti porta la firma del Lecce. Al 45’ Celjak crossa da destra, Marotta duella a centro area, Abruzzese di testa nel tentativo di anticipare l’attaccante sannita - con Scuffia che era uscito a vuoto - per poco non regala il pareggio al Benevento.
La gara finisce praticamente qui [...]" (Michele Palmieri - www.ilquaderno.it)