Tabellino della partita

22/01/1978 - Pistoia, stadio Comunale
19° giornata del Campionato di Serie B 1977/1978
Pistoiese 0Lecce 0
Vieri
Romei
La Rocca
Borgo
Brio
Pogliana
Gattelli
Frustalupi
Palilla
Speggiorin
Paesano
Nardin
Pezzella
Lorusso
Belluzzi
Zagano
Mayer
Sartori
De Pasquale
Skoglund
Biasiolo
Beccati
Allenatore:
Riccomini Enzo
Allenatore:
Giorgis
Eventi:
57' Sostituzione Lugnan per De Pasquale
64' Sostituzione Beccaria per Palilla
Arbitro: Terpin di Trieste
Note:
Pomeriggio di sole, giornata primaverile. Terreno leggermente allentato per le piogge cadute nei giorni scorsi. Nessun ammonito. Spettatori circa 9.000 per un incasso di 33.291.035 di lire. Non meno di mille tifosi leccesi venuti un pò da tutte le parti della Toscana. Sugli spalti striscioni e bandiere giallo-rosse dei Lecce Clubs di Siena e Ferrara. Angoli 8 a 5 (p.t 5 a 4) per la Pistoiese. Sorteggio antidoping negativo. A disposizione in panchina per il Lecce il secondo portiere Vannucci e il centrattacco Montenegro; per la Pistoiese il secondo portiere Settini e il terzino-stopper Stefano Di Chiara.
Cronaca:
La Gazzetta del Mezzogiorno di lunedì 23 gennaio 1978 così titolava: "Un LECCE pratico e prudente a Pistoia sfiora la vittoria e rimane con le grandi" Un Lecce pratico e risoluto ha ottenuto un altro punto utile per rimanere agganciato alle grandi del campionato. Tatticamente il Lecce è stato ineccepibile. Giorgis non potendo disporre di Lorusso (a letto per un attacco tonsillare) ha schierato Russo come terzino di spinta, facendogli fare coppia con Pezzella. Russo ha annullato Borgo e Pezzella ha costretto Paesano ad un gioco evenescente, Zagano ha bloccato il vivace Gattelli. Ben protetto dietro, il Lecce ha potuto fare mostra di un centrocampo molto mobile e valido con De Pasquale e Biasiolo pronti a rifinire la manovra e a rilanciare Beccati e Skoglund in zona-gol, oggi spietatamente controllati, il primo da Brio, l'altro da Romei. Ne è venuto fuori un primo tempo ad un ritmo discreto, con due o tre occasioni da gol per il Lecce mancate per un nonnulla da Skoglund o neutralizzate da Vieri, ad esempio su un tiro ravvicinato di Belluzzi, con il pallone che gli è sfuggito di mano, riuscendo poi a fermarlo senza danno. Al 25' la clamorasa traversa con un tiro-gol ravvicinato di Biasiolo, servito perfettamente da Belluzzi, un'azione molto bella da Sartori, limata da Belluzzi, che superato un avversario ha crossato al centro dove Biasiolo, voltato di spalle alla porta, ha tentato una mezza rovesciata, colpendo in pieno la traversa. La ripresa ha mostrato una Pistoiese più decisa a vincere, così è subito scattata all'attacco, Una sfuriata che però non ha dato alcun risultato tanto che Riccomini ha giocato la carta Beccaria potenziando la linea d'attacco. Giorgis ha preso subito le contromisure e così ha tolto De Pasquale e ha inserito Lugnan. Complessivamente la Pistoiese ha mantenuto una certa pressione anche se le occasione-gol più propizie sono capitate ancora al Lecce al 32' (con Biasiolo e Skoglund) e al 43' con Sartori.