Rispondi a questo messaggio:

Premetto che a me della carta di identitÓ del calciatore non interessa nulla. Che sia di San Pietro in lama piuttosto che di Pordenone, italiano o del Guatemala basta che sia bravo e si impegni sempre al massimo delle sue possibilitÓ. Lo so che pu˛ sembrare un concetto egoistico e negativo, ma soprattutto negli ultimi tempi vedo tanti moralisti e perbenisti che vorrebbero solo calciatori italiani in Italia e salentini nel Lecce, in nome di un patriottismo di facciata abbastanza ridicolo. E comunque al di lÓ di questo mio pensiero, eviterei di prendere un giovanissimo calciatore di Lecce e provincia perchÚ temo che sarebbero pi¨ i lati negativi. Poi Ŕ ovvio che se parliamo del nuovo Maradona la situazione cambierebbe radicalmente... ma non credo sia questo il caso. Poi vi Ŕ il solito discorso, che condivido, sulla patrimonializzazione. La Cremonese ha accettato il prestito secco noi probabilmente no.

Forman®