Tabellino della partita

13/05/2012, ore 20:45 - Verona, stadio Marc'Antonio Bentegodi
38° giornata del Campionato di Serie A 2011/2012
Chievo 1Lecce 0
Puggioni
Morero
Cesar
Jokic
Sardo
Bradley
Sammarco
Luciano
Vacek
Pellissier
Uribe
Benassi
Esposito
Brivio
Carrozzieri
Di Matteo
Cuadrado
Obodo
Giacomazzi
Blasi
Di Michele
Muriel Fruto
All.: Di CarloAll.: Cosmi
Eventi:
16' Ammonizione Morero
24' Sostituzione Bertolacci per Cuadrado
53' Ammonizione Di Matteo
62' Ammonizione Esposito
69' Sostituzione Thereau per Uribe
69' Sostituzione Paloschi per Sammarco
70' Ammonizione Jokic
73' Sostituzione Piatti per Obodo
78' Gol Vacek
80' Sostituzione Bojinov per Di Matteo
81' Espulsione diretta Carrozzieri
90' Sostituzione Grandolfo per Luciano
Arbitro: Banti di Livorno
Note:
Possesso palla: 42%-58%; tiri in porta: 5-5; corner: 2-7.
Cronaca:
"[...] Va cos, perch questo il calcio: c' sempre chi ride e chi piange e in questi casi, quello che conta di pi sempre il rispetto. Per te stesso, per l'avversario che hai davanti e per quelli che comunque ti osservano, da vicino e da lontano. Il Chievo perfetto, anche in questo. Rispetta la sua stagione e la sua storia. Rispetta il Lecce e la sua stagione sfortunata, ma anche la sua ultima speranza. Rispetta il campionato e la sua gente, senza concessioni o compassioni. N, del resto, sarebbe cambiato qualcosa, in realt. Perch il Genoa fa quello che deve fare, cio vincere. E il match del Bentegodi finisce (o quasi) nel momento stesso in cui da Marassi rimbalza la notizia: gol di Gilardino, per il Lecce serie B.
LA SPERANZA. Il Lecce ci crede, finch pu. Il primo tempo coraggioso, Puggioni gli dice due volte di no, sono sue le chances migliori, quando ancora giusto sognare, lecito sperare. Il Chievo a sua volta non sta a guardare, anche se d l'idea di controllare, prima ancora che di spingere. Come se tenesse per dopo i suoi colpi migliori. Match veloce, senza troppe empzioni, ma anche senza troppo tatticismo. Il Lecce pensa a vincere, il Chievo non ha certo l'intenzione di perdere. Luciano guizza come sa, Bradley orchestra, Pellissier&Uribe sono sempre in agguato. E la gente si diverte, come succede nei giorni di festa.
IL COLPO BASSO. Sul tabellone arriva la notizia, gi ripresa. Gol di Gilardino, "Genoa 1. Palermo 0". Serse Cosmi scuote il testone, la squadra smarrisce il lampo d'orgoglio che l'aveva sostenuta. Non s'affloscia, ma accusa il colpo. Inevitabile. C' una stagione in ballo, ti passano per la testa mille cose e mille pensieri, vorresti e non puoi, troppo tardi per rimediare. Il Lecce abbassa la testa, il Chievo alza un po' il numero dei giri. E passa. La firma di Kamil Vacek, una delle grandi incompiute della stagione, oggetto misterioso e rebus, al tempo stesso. Vacek raccoglie l'invito di Paloschi e offre un'idea di quello che sa fare. Dribbling a rientrare e destro che chiude i conti con i sogni del Lecce. E poi la felicit, col gesto del cuore, l'abbraccio dei compagni, l'applauso della gente. Bello. E magari, ricco di significati. Di promesse, il futuro gi cominciato.
IL FINALE. A quel punto, il Lecce ha un sussulto, un guizzo, un'impennata rabbiosa. Di Michele sempre un brutto cliente, Giacomazzi pure. Sulla loro strada c' sempre Puggioni, il pi bravo di tutti. Poi arriva anche il secondo gol del Genoa, poi ancora il "rosso" a Carrozzieri, come quando cala il sipario e tu sei ancora l seduto, aspettando chiss che cosa. Non ce n' pi per nessuno, il Lecce lo capisce e lo capiscono pure i suoi tifosi che restano in curva nord, ad agitare le sciarpe. Il finale una discesa verso la festa, alla quale rischia di partecipare anche Paloschi, abile a "fare l'Inzaghi" liberandosi a due passi da Benassi, per poi alzare troppo la mira. Quando Banti decide ch' finita, il sipario cala davvero sulla serie A del Lecce, tra lacrime, rimpianti, un'amarezza infinita [...]" (Raffaele Tomelleri - www.larena.it)