Tabellino della partita

22/09/2013, ore 15:00 - Lecce, stadio Via del Mare
4° giornata del Campionato di Serie C1 2013/2014
Lecce 1Catanzaro 2
Bleve
D'Ambrosio
Martínez
Ferrero
Nunzella
Amodio
Salvi
Melara
Zigoni
Miccoli
Bellazzini
Bindi
Catacchini
Sabatino
Vitiello
Rigione
Ferrario
Marchi
Benedetti
Fioretti
Martignago
Germinale
Allenatore:
Moriero
Allenatore:
Brevi
Sostituzioni:
Beretta per Miccoli (36')
Vinetot per Amodio (62')
Ferreira Pinto per Bellazzini (77')
Sostituzioni:
Fiore per Martignago (57')
Casini per Marchi (76')
Tortolano per Fioretti (86')
Reti:

D'Ambrosio (47') video

Reti:
Marchi (7') video

Fioretti (65') video
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Nunzella (38')
ammonizione Ferrero (52')
2° ammonizione Ferrero (61')
espulsione D'Ambrosio (78')
ammonizione Ferreira Pinto (86')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Vitiello (41')
ammonizione Marchi (60')
Eventi:
Arbitro: Giovani di Grosseto
Note:
Cronaca:
"[...] Moriero affida a Miccoli le chiavi dell’attacco supportato da Zigoni e Bellazzini. Brevi risponde con Vitiello faro di centrocampo, Germinale, Martignano e Fioretti di punta. A partire forte è il Lecce con un Miccoli, che sembra ispirato, abile a trovare un varco, ma il cross è troppo lungo per Zigoni. Il Catanzaro si limita a controllare e al primo vero affondo sblocca il risultato. Martignano disegna una parabola perfetta che trova la testa di Marchi pronta a spedire il pallone alle spalle di Bleve. Sono passati sette minuti e il Lecce sprofonda in una vera e propria crisi di identità che permette al Catanzaro, con Fioretti, di poter chiudere il match ma il tiro non inquadra lo specchio della porta. La reazione del Lecce porta la firma di Miccoli ma il suo tiro non impensierisce Bindi. Il Lecce si riversa in avanti senza fare tanti calcoli spinto anche da un Moriero che sembra tarantolato ma la coppia Miccoli-Zigoni viene arginata da una difesa attenta con il Catanzaro prova a colpire in ripartenza. Il match è gradevole con continui capovolgimenti di fronte. Da una parte Zigoni e dall’altra Fioretti hanno l’opportunità di colpire ma entrambi peccano di precisione in fase di finalizzazione della manovra. Vitiello fa girare alla perfezione un Catanzaro ben messo in campo da Brevi, Lecce che si affida alle giocate dei singoli per rimettere la gara in carreggiata. Al minuto 35 D’Ambrosio si vede respingere da Bindi un destro insidioso che termina la sua corsa in angolo. Moriero perde Miccoli per infortunio, al suo posto Beretta. Il tempo si chiude con una punizione di Bellazzini che Bindi devia in angolo. Ad inizio ripresa il Lecce rimette le cose a posto con D’Ambrosio che devia alle spalle di Bindi un velenoso calcio d’angolo. Il Lecce spinto dal pubblico insegue la vittoria, il Catanzaro, invece, agisce di rimessa. Al 16’ arriva l’episodio che forse cambia l’inerzia della gara: Ferrero già ammonito stende Marchi che era partito in velocità. Doppio giallo e per il difensore doccia anticipata. Il Catanzaro approfitta della superiorità numerica e dopo 240 secondi mette una seria ipoteca sui tre punti: Benedetti trova un varco per Fioretti che entra in area e infila Bleve con un diagonale sul palo più lontano. Il Lecce tramortito cerca il pari più sulla forza dei nervi che per vera convinzione lasciando però spazi invitandi che il Catanzaro non sfrutta a dovere: minuto 28 Fiore fa tutto bene ma il suo tiro finisce alto. La frustrazione della formazione di Moriero è palpabile tanto che il Lecce resta addirittura in nove quando D’Ambrosio, che prima viene ammonito per un fallo, si becca il secondo cartellino per proteste. L’ulteriore beffa per i padroni di casa arriva al primo minuto di recupero quando Bindi compie un vero e proprio miracolo su colpo di testa a botta sicura di Zigoni [...]" (Maurizio Minori - www.loradellacalabria.it)