Tabellino della partita

13/04/2014, ore 15:00 - Lecce, stadio Via del Mare
32° giornata del Campionato di Serie C1 2013/2014
Lecce 2Frosinone 0
Caglioni
Diniz
Vinetot
Abruzzese
Lˇpez
Amodio
Papini
Barraco
Beretta
Doumbia
Miccoli
Mangiapelo
Ciofani M.
Crivello
Russo
Gaucher
Biasi
Frara
Altobelli
Ciofani D.
Gessa
Curiale
Allenatore:
Lerda
Allenatore:
Stellone
Sostituzioni:
Sales per Lˇpez (20')
Bogliacino per Beretta (62')
Salvi per Barraco (72')
Sostituzioni:
Paganini per Altobelli (58')
Soddimo per Frara (68')
Viola per Biasi (81')
Reti:
Beretta (23') video
Bogliacino (80') video
Reti:


Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Lˇpez (13')
ammonizione Abruzzese (32')
ammonizione Beretta (50')
2° ammonizione Abruzzese (71')
ammonizione Vinetot (74')
ammonizione Caglioni (82')
ammonizione Amodio (83')
ammonizione Bogliacino (90')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Russo (10')
ammonizione Gessa (16')
2° ammonizione Gessa (38')
ammonizione Biasi (66')
ammonizione Soddimo (76')
Arbitro: Ros di Pordenone
Note:
Durante l'intervallo Ŕ stato espulso per proteste l'allenatore del Frosinone, Stellone.
Cronaca:
"[...] Una vittoria maturata grazie all'apporto dei 10 mila tifosi giallorossi sugli spalti, che hanno spinto Miccoli e compagni in un incontro difficile e nervoso: 15 cartellini, di cui due rossi, uno per parte (Gessa e Abruzzese). I tre punti permettono alla squadra di Lerda di mantenersi sola al secondo posto, dietro al Perugia, vittorioso col Pontedera (1 a 0), avanti di uno.
Il gol che sblocca la partita nasce da un'azione pregevole con Miccoli che smarca Doumbia in area pronto al cross teso per la testa di Beretta, bravo a battere Mangiapelo. Al 38esimo il Frosinone rimane in dieci per il doppio giallo mostrato a Gessa (il secondo cartellino arriva dopo una simulazione dell'attaccante laziale in area del Lecce). Quando sembrava fatta per i ragazzi di Lerda, Ŕ arrivata l'ingenuitÓ di Abruzzese che al 71esimo ha sbagliato un controllo a centrocampo facendosi sfilare il pallone da Ciofani. Il centravanti giallobl¨ Ŕ stato atterrato dal difensore salentino prima che s'involasse solo verso Caglioni. Il fallo Ŕ valso il secondo cartellino giallo e l'espulsione. Ma dieci minuti pi¨ tardi Ŕ arrivato il gol della sicurezza, siglato dall'uruguaiano ex Napoli Mariano Bogliacino (al rientro dopo un mese d'infortunio) con un gran tiro da fuori area. Il pallone si Ŕ insaccato dopo aver colpito il palo interno della porta laziale [...]" (Gino Martina - http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it)