Tabellino della partita

01/06/2014, ore 21:00 - Lecce, stadio Via del Mare
Campionato di Serie C1 2013/2014 - Finale
Lecce 1Frosinone 1
Perucchini
Sales
Diniz
Abruzzese
López
Papini
Salvi
Ferreira Pinto
Beretta
Doumbia
Zigoni
Zappino
Ciofani M.
Crivello
Gori
Blanchard
Biasi
Frara
Gucher
Ciofani D.
Paganini
Curiale
Allenatore:
Lerda
Allenatore:
Stellone
Sostituzioni:
Bogliacino per Ferreira Pinto (59')
Barraco per Zigoni (74')
Amodio per Salvi (84')
Sostituzioni:
Bertoncini per Biasi (33')
Gessa per Curiale (82')
Carrus per Gori (85')
Reti:
Papini (15') video

Reti:

Gori (31') video
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Salvi (52')
ammonizione Abruzzese (89')
Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Ciofani M. (56')
Arbitro: Sacchi di Macerata
Note:
Cronaca:
"[...] Il Lecce parte molto forte, sospinta dai suoi tifosi e dal dinamismo di Doumbia, come sempre ispiratissimo quando sfida i canarini. Al 4’ è proprio l’esterno francese che fa viaggiare Lopez sul settore di sinistra del fronte offensivo leccese: sul cross dell’uruguaiano si avventa Zigoni, bravo ad anticipare Zappino, ma non ad inquadrare i pali della porta ciociara.
Il Frosinone soffre un po’ l’aggressività dei giallorossi di casa, tiene bene il campo, ma al 15’ Gori si fa sorprendere a centrocampo e propizia la percussione di Papini, che avanza deciso e lascia partire una conclusione perfetta, sulla quale Zappino non riesce ad opporsi. Gara in salita per i ciociari, troppo presto in svantaggio. Al 23’ Abruzzese in acrobazia prova a far male ancora al Frosi none, su un calcio d’angolo proveniente dalla sinistra, ma il pallone finisce largamente fuori.
Al 31’ arriva il pareggio ciociaro: azione insistita dei canarini, con colpo di testa di Paganini e rovesciata spettacolare di Curiale per Gori, pronto a calciare e a trovare, complice la sfortunata deviazione di Abruzzese, il gol dell’uno a uno. Al 38’ il Lecce si fa vivo in avanti e un cross di Lopez viene “svirgolato” da Bertoncini, appena entrato per l’infortunato Biasi, costringendo Zappino a un intervento non semplice in calcio d’angolo. Non accade granchè nei restanti 8 minuti, se non una vibrata protesta leccese per un presunto fallo di Blanchard in area su Beretta.
Anche la ripresa si apre con un tentativo acrobatico di Zigoni, contrastato efficacemente da Crivello al momento di concludere. Ci prova Doumbia un minuto più tardi, con un tiro che manda la sfera non molto distante dal palo destro della porta giallazzurra. Seguono lunghe fasi di lotta a centrocampo, con contrasti vigorosi da ambo le parti e nessun pericolo per i due portieri. Beretta cerca il numero al 26’, con un dribbling cui fa seguire un tiro abbastanza velleitario. E’ ancora Beretta che si rende protagonista di una percussione, fermata fallosamente da Gessa, appena entrato per Curiale: punizione che le virtù balistiche di Bogliacino trasformano quasi in oro, con il pallone che scheggia l’incrocio dei pali! Pericolo scampato per il Frosinone che prova anche a ripartire e al 41’, finalmente fa registrare un altro tiro verso la porta leccese, al termine di un’azione ben congegnata che manda al tiro capitan Frara, ma Perucchini fa buona guardia, si allunga alla sua sinistra e para in presa.
C’è il tempo per vedere una potente conclusione di Gucher dalla grandissima distanza al primo dei tre di recupero. Poi, tutti sotto la doccia, in attesa di un secondo tempo da giocare in Ciociaria. [...]" (Roberto Mercaldo - Il Quotidiano della Ciociaria)