Tabellino della partita

13/01/2005, ore 15:00 - Udine, stadio Friuli
Coppa Italia 2004/2005 - Ottavi di finale
Udinese 3Lecce 4
De Sanctis
Belleri
Cribari
Felipe
Mauri
Pazienza
Pizarro
Muntari
Pieri
Di Michele
Fava
Anania
Cassetti
Diamoutene
Stovini
Abruzzese
Giacomazzi
Ledesma
Eremenko
Bab
Bjelanovic
Vucinic
All.: SpallettiAll.: Zeman
Eventi:
7' Gol Di Michele
22' Ammonizione Stovini
34' Ammonizione Diamoutene
39' Gol Vucinic
43' Sostituzione Kroldrup per Pieri
46' Sostituzione Dalla Bona per Ledesma
46' Gol Bjelanovic
60' Sostituzione Di Natale per Mauri
74' Sostituzione Konan per Bab
76' Ammonizione Giacomazzi
79' Sostituzione Iaquinta per Fava
82' Gol Konan
83' Gol Vucinic
88' Gol Iaquinta
92' Espulsione diretta Vucinic
92' Ammonizione Cassetti
92' Gol Di Natale
Arbitro: Castellani di Verona
Note:
Giornata soleggiata ma con leggera foschia, temperatura di 8C; corner 6-3; recupero 2' pt, 2' st; spettatori 5.000 circa.
Cronaca:
Zeman utilizza praticamente una formazione da campionato, eccezion fatta per gli impieghi di Anania, Eremenko e Bjelanovic. L'inizio a tinte forti, come del resto tutto il match. Al 4' Fava, servito da Di Michele, si trova solo davanti ad Anania che strepitoso nel chiudergli lo specchio. Al 6' Ledesma apre bene per Eremenko, il tiro-cross del finlandese messo in corner da De Sanctis che togli il pallone da sotto la traversa. Sugli sviluppi dell'angolo, cross di Ledesma da sinistra e colpo di testa di Cassetti di poco alto. Al 7' Di Michele, lasciato colpevolmente solo, infila in contropiede la retroguardia giallorossa e trafigge Anania con un diagonale rasoterra. Al 9' Di Michele crossa alla perfezione da sinistra, ma il colpo di testa di Fava clamorosamente alto. L'ex attaccante triestino ha divorato una incredibile palla gol. Al 12' rovesciata di Cribari sugli sviluppi di un corner: palla abbondantemente fuori. Al 18' l'incontenibile Di Michele si beve Cassetti, poi da posizione defilata cerca il gol, ma Anania lo chiude in calcio d'angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina c' un colpo di testa di Cribari che termina sui tabelloni pubblicitari. Al 22' punizione per l'Udinese con palla che arriva a Muntari: gran botta del giocatore di colore parata dall'estremo difensore salentino. Al 23' Di Michele si beve Diamoutene, mette in mezzo, ma Fava in caduta viene anticipato dal portiere del Lecce. Al 25' clamorosa palla gol per il Lecce: cross di Cassetti e stacco di Bjelanovic, ma De Sanctis respinge da vero campione. Al 29' Ledesma lancia Bjelanovic, il croato cerca il rasoterra, ma il portiere friulano para ancora. Al 39' il Lecce pareggia: spettacolare azione personale di Vucinic che entra in area e supera De Sanctis. Il pallone si spegne nell'angolo alla sinistra del portiere.
La ripresa conferma subito quanto il Lecce creda nell'impresa di passare il turno. Al 46' Vucinic approfitta di un buco difensivo bianconero, palla a Bjelanovic che solo davanti a De Sanctis lo batte facilmente. Al 64' l'insicuro Anania smanaccia, il pallone giunge sui piedi di Di Michele che tira, ma trova l'opposizione dei difensori salentini. Tripla occasione per Muntari: al 66' la sua battuta dal limite respinta da Anania; al 75' il diagonale, da ottima posizione, finisce fuori; al 77', sugli sviluppi di una punizione, il giocatore friulano spara alto. Al 78' Konan cerca il dribbling nell'area avversaria, ma viene chiuso e la sua conclusione sbilenca. All'82' il Lecce qualificato ai Quarti: Vucinic allunga la palla a Konan che, da fuori area, la scarica sotto l'incrocio dei pali. De Sanctis tocca ma non evita il gol. All'83' Vucinic al proscenio: il montenegrino se ne va tutto solo in area e batte il portiere con un tiro secco nell'angolino. Il numero uno di casa pu solo guardare la sfera che 'muore' nell'angolo alla sua destra. Il Lecce sembra ormai qualificato, ma l'Udinese ha una reazione nel finale. 88': Di Michele dribbla Anania e, da posizione defilata, invece di tirare serve Iaquinta. Quest'ultimo, solo davanti alla porta vuota, deve solo spingere la palla in rete. Al 92' l'Udinese segna la rete del passaggio di turno: sviluppi di una punizione da sinistra, palla a Di Natale che dal limite dell'area, in precario equilibrio, supera Anania. La beffa servita.