Tabellino della partita

16/10/2005, ore 15:00 - Reggio Calabria, stadio O. Granillo
7° giornata del Campionato di Serie A 2005/2006
Reggina 2Lecce 0
Pavarini
Lucarelli A.
De Rosa
Cannarsa
Mesto
Biondini
Tedesco Gia.
Modesto
Vigiani
Cozza
Cavalli
Sicignano
Cassetti
Diamoutene
Stovini
Abruzzese
Marianini
Ledesma
Konan
Valdes
Pinardi
Vucinic
Allenatore:
Mazzarri
Allenatore:
Baldini
Sostituzioni:
Missiroli per Cozza (69')
Rigoni per Biondini (71')
Amoruso per Cavalli (78')
Sostituzioni:
Pellè per Valdes (58')
Angelo per Vucinic (60')
Rullo per Abruzzese (63')
Reti:
Tedesco Gia. (14') video
Cozza (52') video
Reti:


Ammonizioni ed espulsioni:
ammonizione Pavarini
ammonizione Tedesco Gia.
Ammonizioni ed espulsioni:
2° ammonizione Pinardi (70')
ammonizione Abruzzese
ammonizione Ledesma
ammonizione Pellè
ammonizione Pinardi
Arbitro: Trefoloni di Siena
Note:
Giornata primaverile con temperatura attorno ai 24°C; terreno di gioco in discrete condizioni; spettatori: 15.000.
Cronaca:
E' il Lecce che ha il miglior approccio con la gara: all'11' gli attaccanti giallorossi regalano spettacolo con un'azione tutta di prima. Pinardi rifinisce per Vucinic che conclude, ma Pavarini c'è. Al 14', assolutamente a sorpresa, la Reggina passa in vantaggio. Giacomo Tedesco trova spazio sulla trequarti e fa partire un tiro senza pretese: Sicignano - fresco di convocazione in nazionale - non vede partire il tiro a causa del sole negli occhi e la palla si insacca centralmente sotto la traversa. Il 'Granillo' può esultare per un vantaggio insperato. Al 24' la reazione del Lecce è in un tiro di Vucinic che impegna Pavarini. Pochi secondi dopo ci prova anche Vigiani trovando preparato Sicignano. Verso il finire del tempo pugliesi ancora pericolosi, prima con Vucinic e poi con Valdes al 47'.
La ripresa si apre con la sensazione che i giallorossi possano da un momento all'altro pareggiare. Sensazione confermata al 48', allorchè Vucinic impegna per l'ennesima volta Pavarini. Ma, come nella prima frazione, sono la fortuna ed il cinismo della Reggina l'elemento determinante. Al 52' Cozza entra in area sulla destra, gran diagonale e palla sul palo interno quindi in gol. Due minuti dopo baruffa in campo: Pinardi si scontra con il portiere della Reggina e chiede il rigore. Trefoloni non ci sente e seda il principio di rissa con un doppio giallo a portiere e attaccante. Al 61' è il turno di Stovini, ma il suo tiro da lontano (fuori di poco) non fa altro che aumentare i riampianti per una gara storta. Al 70' Pinardi entra scomposto su Vigiani e l'arbitro senese tira fuori il secondo giallo che significa espulsione. Il finale è della Reggina, che sfiora il terzo gol rispettivamente con Cavalli, Vigiani e infine Modesto (82'). Chiude il Lecce: Marianini calcia a botta sicura, ma Pavarini chiude in corner, negando ai giallorossi il gol della bandiera.